Preservativo bucato che fare?

Il preservativo, si sa, è il metodo concezionale più sicuro in quanto protegge non solo da gravidanze indesiderate ma anche dalle malattie sessualmente trasmissibili. Eppure non sono pochi gli inconvenienti a cui si può andare incontro durante un rapporto sessuale protetto. A cosa ci riferiamo? Ad esempio alla rottura del preservativo o ai casi in cui il preservativo si sfila o rimane all’interno della vagina. Ma niente panico, in caso di preservativo bucato basta seguire delle semplici regole per evitare qualsiasi problema o situazione sgradita.

Sembrerà banale ma il preservativo bucato è spesso causato da un suo errato utilizzo. Vediamo insieme alcuni semplici consigli su come utilizzare il preservativo e su cosa fare in caso di rottura.

Preservativo scaduto: attenzione alla scadenza

Il preservativo deve essere sempre controllato prima di essere utilizzato: questo per il semplice fatto che, avendo una scadenza, questo tipo di oggetti potrebbero non essere resistenti e non “funzionare” come dovrebbero.
Quindi, per evitare delle sorprese tutt’altro che gradite, bisognerà assolutamente verificare la data di scadenza prima di indossare il profilattico. Se il preservativo non è scaduto, ma appare secco (magari a causa di una cattiva conservazione) assolutamente meglio non rischiare.

Come aprire e indossare il preservativo

Come detto in precedenza il preservativo bucato può essere dovuto a un suo utilizzo errato. Una volta verificata la data di scadenza, sarà opportuno aprire il preservativo sfruttando la massima attenzione.
Usare delle forbici, denti oppure coltelli potrebbe essere poco corretto: procedendo in tal modo si rischia infatti di danneggiare il preservativo, cosa che può portare a una sua rottura.
La confezione deve essere aperta effettuando una leggera pressione sul segno di apertura, in maniera tale che sia poi possibile aprire la confezione senza alcun tipo di problema.
Per quanto riguarda l’utilizzo, ovvero indossare il preservativo, esso deve essere fatto con cautela e aperto solo dopo che si raggiunge l’erezione: bisognerà infilarlo delicatamente, premendo il serbatoio con le dita, in maniera che le bolle d’aria vengano eliminate.
Non bisognerà graffiare l’oggetto, visto che questo potrebbe bucarsi e quindi essere inutilizzabile.

Cosa fare in caso di preservativo bucato

Purtroppo può capitare che il preservativo si rompa durante il rapporto sessuale. L’importante è non farsi prendere dall’ansia e gestire tutto con lucidità e attenzione. Se il preservativo si buca durante il rapporto, ecco cosa fare per evitare gravidanze indesiderate: come prima cosa, la donna deve lavarsi la vagina con acqua fredda e sapone, rimuovendo eventuali residui di sperma.
Per scongiurare il pericolo di una gravidanza è possibile ricorrere a una contraccezione di emergenza ovvero la pillola del giorno dopo. Va presa entro 72 ore dal rapporto a rischio e ha una efficacia del 95% se assunta entro 24 ore (in media ha un’efficacia dell’80%). Si acquista in farmacia dietro ricetta di un ginecologo, medico curante o pronto soccorso, per cui nel caso in cui sussista un rischio recatevi subito al pronto soccorso o dal vostro medico/ginecologo. Esiste anche una pillola che può essere assunta entro 5 giorni dal rapporto a rischio, ma in questo caso può essere prescritta dal medico solo dopo test di gravidanza negativo.

Oltre al preservativo bucato si possono presentare altri problemi, ad esempio…

Preservativo sfilato

Nel caso in cui il preservativo si sfili durante il rapporto, bisognerà controllare il serbatoio: se il profilattico ha il serbatoio pieno, la donna potrà rimanere tranquilla, visto che l’eiaculazione non è avvenuta all’interno della vagina.

Il preservativo è rimasto dentro

Se invece il preservativo rimane dentro l’organo sessuale femminile, la donna potrà sfilarlo prestando attenzione a non danneggiarlo oppure recarsi dalla ginecologa per poter effettuare tale operazione.

In entrambi i casi, assumere la pillola del giorno dopo è un’azione che offre un livello di sicurezza maggiore ed evita preoccupazioni su gravidanze indesiderate.

Saremo felici di sapere cosa ne pensi

Lascia un commento