Home / Sex Toys / Vibratori fai da te: 3 idee a cui (forse) non avevi pensato
vibratori fai da te idee

Vibratori fai da te: 3 idee a cui (forse) non avevi pensato

L’estrema attenzione che negli ultimi anni le donne riservano alla propria sessualità, ha portato alla ricerca di giochi che possano innalzare il livello di godimento personale, soprattutto all’interno delle mura casalinghe tramite attrezzi “fai da te”. Molte sono ancor oggi le singole (o le coppie) che hanno ritrosia ad acquistare normali “sex toys” nei negozi specializzati, essi più che rinunciare ad un piacere che il più delle volte è “godurioso”, si industriano a trovare normali strumenti casalinghi, che possono sostituire i giocattoli erotici. Vediamo come realizzare dei vibratori fai da te con oggetti di uso comune che si possono trovare normalmente in ogni casa.

Il giocattolo erotico per eccellenza, non è nient’altro che un attrezzo che vibra, grazie all’energia ricavata dalla rete elettrica o nei modelli più sofisticati grazie ad un’alimentazione a batteria. La vibrazione ha la funzione di stimolare i “punti erogeni” della donna e fargli raggiungere il piacere sessuale. All’interno della vita quotidiana molti sono gli attrezzi che hanno questa prerogativa, e anche se non costruiti appositamente per lo scopo, possono essere utilizzati in maniera proficua per raggiungere l’orgasmo.

Vibratori fai da te con il regola barba elettrico!

Uno di questi è il “regola barba elettrico“, esso di solito ha una parte piatta che quando è accesa vibra in maniera costante, accenderlo e posizionarlo sul clitoride fa raggiungere alla perfezione la stessa eccitazione che un vibratore normale può dare, uno dei pochi inconvenienti è forse la presenza del filo elettrico che ne limita il raggio d’azione, inconveniente però sicuramente controbilanciato dal fatto di sapere che il proprio partner, lo userà con uno scopo molto lontano da quello di… ricevere piacere.

Vibratori fai da te con lo spazzolino elettrico

Sempre in bagno è presente di solito un altro strumento che si adatta perfettamente allo scopo: lo spazzolino elettrico. In questo caso i vantaggi sono ancora maggiori, intanto di solito gli spazzolini sono a batteria perciò facilmente “mobili”, (in funzione di vibratore possono essere usati anche a letto) poi cosa da non sottovalutare possono essere inseriti direttamente in vagina, esasperando il piacere che deriva dal movimento delle testine. Una delle poche accortezze che si deve però avere è quella di ricoprire le testine che potrebbero ferire i delicati tessuti interni, con un materiale gommoso (la vecchia “plastilina” va benissimo). Sia se si sceglie la “stimolazione esterna” sia che si voglia sperimentare quella “interna”, è buon uso comunque proteggere il tutto con un preservativo, questo allo scopo di evitare fastidiose infezioni.

Vibratori fai da te con il cellulare

Infine un “must”. Strumento per eccellenza che fa della vibrazione una sua “variabile d’uso”: il cellulare. Con esso sono moltissime le donne che hanno raggiunto il piacere, posto sulle parti sensibili e con l’ausilio di un telefono fisso fornisce la possibilità di vibrazioni durature nel tempo, e finanche personalizzabili in intensità. Il cellulare si propone anche come “gioco di coppia” qualora voglia essere il partner a chiamare, in questo caso la mancata risposta farà….felici entrambi. Esistono poi delle applicazioni pensate appositamente per il piacere femminile, che consentono di scegliere il tipo di vibrazione da attivare.

E voi, avete mai realizzato un vibratore fai da te?

About Redazione

Check Also

Storia del vibratore per donne

Storia del vibratore: tutto sulla nascita del famoso sex toys!

La storia del vibratore potrebbe davvero far discutere per la sua particolare origine, che affonda le ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *